Home / Sigle suonerie Anime / Cartoni animati / Hurricane Polimar: download sigla / suoneria mp3

Hurricane Polimar: download sigla / suoneria mp3

Hurricane Polimar: download sigla / suoneria mp3
Hurricane Polimar: download sigla / suoneria mp3

Hurricane Polimar: download sigla / suoneria mp3

Genere: Fantascienza

Hurricane Polymer
[Tatsunoko Productions 1974] Buoni: Takeshi (Polymar), Generale Onikawara (padre di Takeshi a capo dell’Interpol), Jo Kuruma (in arte Sherlock Holmes Junior come si autodefinisce, il capo di Takeshi), Teru (la segretaria nonché proprietaria dell’ufficio), Barone (ex cane poliziotto, l’unico che sa tutto ma essendo un cane non può parlare)

Takeshi è il figlio del capo della polizia di T?ky?. Un valente scienziato di nome Oregasteru costruisce un casco che permette a chi lo indossa di trasformarsi in ogni sorta di veicolo: aereo, trivella sotterranea, carro armato e persino sottomarino! Il casco è costituito di Poliment. Le origini di Polimar vengono narrate nella 15a puntata dal titolo “Il segreto della nascita di Polimar”: la solita banda di criminali cerca di rubare la nuova invenzione del dott. Oregasteru (il Polymer, appunto), ma l’intervento di Takeshi impedisce il furto ed il dottore, prima di suicidarsi autodistruggendo il suo laboratorio, fa dono della sua invenzione al ragazzo che si impegna ad usarlo nel nome della giustizia. Conseguenza della morte del dottore è anche la rottura di Takeshi col padre, accusato di non aver protetto a sufficienza il dottore, usato quasi come esca per intrappolare i criminali. Takeshi va a lavorare da un imbranato investigatore privato di nome Joe Kuruma, e risolve i casi trasformandosi in Polimar, ma il suo capo non lo sa. Alla fine dell’episodio il colpevole viene smascherato, ed è sempre il personaggio ‘insospettabile’ introdotto all’inizio della puntata! Nell’ultimo episodio è costretto a svelare la propria identità trasformandosi davanti agli occhi dei suoi compagni per salvarli. Trasformazioni di Polimar: Sparviero (aereo che gli consente di volare), Punte Rotanti (trivella, per ambienti sotterranei), Bulldozer (per scontri su strada), Missile (sottomarino).

Nota: curiosa coincidenza o riciclaggio di idee? Per opera di un casco, il protagonista si trasforma in un eroe che si può trasformare in vari modi diversi; nell’ultima puntata è il cane che gli lancia il casco poiché lui è immobilizzato dai cattivi. La cosa non vi ricorda la trama del film “The Mask”?

Nota: nella terza puntata Teru non è in missione con Takeshi perché fa la doccia: ecco una completa esibizione di seno nudo assolutamente passata inosservata (all’epoca).

Nota: durante una puntata si scopre che la cosa a cui tiene di più il Generale Onikawara sono i gemelli della camicia che gli aveva regalato Takeshi da piccolo.

Nota: Joe Kuruma utilizza spesso una finta pistola caricata ad acqua, oppure a whisky (effetto ubriacante) a anche a profumo!! (sparato negli occhi acceca i nemici), inoltre lancia il suo cappello come un boomerang: per questo particolare sembrerebbe esserci un chiaro riferimento al film “007 – Missione Goldfinger”, dove il maggiordomo di Goldfinger, che si chiama Odjo, usa il cappello nello stesso modo di Kuruma (come dimostrazione stacca la testa di una statua di marmo…).

Nota: durante una puntata Kuruma incontra una vecchia che gli regala un casco magico (a forma di secchio) che gli consente di trasformarsi in Horomar (viene ricoperto da una tuta nello stesso stile di Takeshi con una grossa H sul petto a sfondo bianco); egli aiuta quindi Polimar a sconfiggere i cattivi di turno, finché ad un certo punto ci si accorge che metà della storia era un sogno dello stesso Kuruma a che il casco magico è effettivamente un secchio!! le stesse sequenze di combattimento da lui sognate si risolvono in una parodia di quelle del vero Polimar).

Nota: l’ufficio di Kuruma è esattamente di fronte alla sede dell’Interpol, per la precisione dall’altra parte della strada, in un semi interrato di un edificio non molto alto (un solo piano) che ha sul tetto 1’insegna di una enorme scarpa arancione (non si è mai capito perché). E’ di proprietà di Teru che da tre anni aspetta 1’affitto arretrato, dallo squattrinato Sherlock Holmes Jr., ed è attrezzato con un periscopio (proprio del tipo sottomarino) con cui Kuruma spia Onikawara, oltre alla radio ad onde corte con cui Takeshi riceve i segnali dei microfoni che piazza nell’ufficio del padre.

Nota: nella serie c’è un errore molto evidente: nell’episodio 23 l’attacco dei pesci volanti Takeshi appare sempre senza 1’immancabile Polymet. Prima della trasformazione cade in acqua e anche in questa occasione non ce l’ha (a meno che non lo nasconda in tasca, ma è un’ipotesi abbastanza improbabile).

Nota: nel penultimo episodio “La banda delle tartarughe”, per andare a riprendere suo figlio (dall’altra parte della strada!!) Onikawara utilizza due auto a un furgoncino con tanto di sirene spiegate e inoltre Kuruma dopo aver avuto per mesi il ragazzo in ufficio non lo riconosce vedendolo in fotografia.

Nota: i soli limiti di Polymar sono il tempo a le basse temperature: la trasformazione può durare soli 46 minuti ed un secondo oltre i quali c’è la morte (forse per il potenziamento che le cellule subiscono, ma non viene mai precisato); una temperatura inferiore a -50°C fa sì che il polimero da cui dipendono i poteri di Polimar perda le sue proprietà e diventi fragile (Episodio 18: “Crisi sotto 50 gradi”). Le alte temperature (fuoco a fiamme) non causano invece particolari problemi alla tuta di polimeri.

Nota: le diverse puntate ricalcano abbastanza fedelmente un canovaccio ben predefinito:
1. C’è una banda di cattivi sempre diversa (che si veste spesso con connotati animaleschi: cani, tartarughe, pesci volanti, scorpioni, serpenti… solo per citarne alcuni).
2. Kuruma tramite i microfoni posizionati da Takeshi viene a conoscenza dei fatti riguardanti i cattivi del momento.
3. Kuruma e soci cercano di anticipare il Generale Onikawara nelle indagini.
4. Dopo che i nostri si sono messi nei guai interviene Takeshi trasformato in Polimar che risolve la situazione, e spesso insegue il capo della banda che scappa con la classica ultima navetta disponibile (a ben vedere sono molto più profondi ‘Tekkaman’ e ‘Kyashan il ragazzo androide’ i quali almeno propongono una storia che si evolve di episodio in episodio…).

Nota: elementi comuni ricavabili dalle tre serie della Tatsunoko (Polimar, Tekkaman e Kyashan) sono presenti delle trasformazioni in diversi mezzi di trasporto (per Kyashan è il caso del cane Flender), Polimar può restare trasformato solo per 46 minuti (hanno delle limitazioni di tempo anche Kyashan e Tekkaman). Ci sono anche delle somiglianze in tutte e tre le serie per ciò che riguarda il mecha design di robot e macchinari in genere.

Nota: di Polymar inoltre è stato realizzato un OAV intitolato “Hurricane Polymar Holy Blood” contenete una storia autoconclusiva in due episodi, dove la veste grafica è stata completamente rivisitata e il look dei personaggi è molto più tecnologico a futuristico.
26 (27?) EP, RET4, 1982
originale giapponese: “Tatakae! Polimar” (iniziale), “Hurricane Polimar” (finale) [1982]

Hurricane Polimar: vedi video sigla

Sen-ti-nel Tatsunoko Heros Fightingear Hurricane POLYMAR Action Figure con led

Hurricane Polimar TESTO SIGLA INIZIALE

Titolo:HURRICAN POLYMAR – TATAKAE POLIMAR (Combatti!Polimar)

Hah rie kyun Polimar
Kazekirutekken punch! Punch! Punch!
Gigoku no akumayo uetemiro
Sora no odoru kumo ka maboroshi
Hissatsu! Geneihariken
Tekio azamuku kage kage kage
Ore wa hariken Hariken Polimar

Arashi no sakebi
Iei! Iei! Iei!
Gigoku no kedamono hoetemiro
Sora ni mau kome ka tatsumaki
Hissatsu! Shinkukatategoma
Keki wo azamuku kage kage kage
Ore wa hariken Hariken Polimar

Hah rie kyun Polimar
Daici wo kteete dah! Dah! Dah!
Gigoku no akutou uketemiro
Sora no hasiry hayate ka inazuma
Hissatsu! Handosandangheri
Teki wo azamuku kage kage kage
Ore wa hariken Hariken Polimar

Hurricane Polimar: download suoneria mp3

Il nostro punteggio
Vota articolo
[Media: 0]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *