Home / Sigle suonerie Anime / Cartoni animati / Rocky Joe: download sigla / suoneria mp3

Rocky Joe: download sigla / suoneria mp3

Rocky Joe: download sigla / suoneria mp3
Rocky Joe: download sigla / suoneria mp3

Rocky Joe: download sigla / suoneria mp3

Genere: Sport

Rocky Joe
Ashita no Joe (????)
[Mushi Productions 1970] Buoni: ‘Rocky’ Joe Yabuki [???], l’allenatore Danbei Tange
Nemici: Toro Riki (T?ru Riikishi), Lupo Cane Secco, Schizzo

Joe è un ragazzo dei bassifondi di T?ky?, che incontra Danbei Tange, un ex allenatore di boxe, diventato ubriacone. Joe gli va dietro per scroccare pasti gratis, ma il vecchio crede in lui; anche quando Joe viene arrestato continua a spedirgli lezioni di boxe al riformatorio. Qui Joe incontra Toro Riki, che diventa subito suo rivale. Epico e sanguinario sarà lo scontro finale tra i due: si affrontano in un incontro ufficiale (fortemente voluto da Toro) nella stessa categoria di peso, cosa che danneggiò non poco Toro che si sottopose ad una durissima dieta alimentare per scendere di peso ed entrare nella categoria di Rocky.
In una fase del massacrante match Toro viene steso con un colpo alla tempia, cadendo malamente a terra e sbattendo il collo sulle corde del ring, rimanendo traumatizzato.
Egli però si rialza e continua caparbiamente la sua azione offensiva e finisce Rocky con uno splendido montante, che fa letteralmente volare quest’ultimo.
Rocky non si rialza e Toro (duramente provato) vince, ma alla fine dell’incontro mentre i due tentano di darsi la mano Toro non riesce neanche ad effettuare la presa che cade a terra senza vita.

Seconda serie: Rocky Joe 2

79 EP, RET4, 1982
Gli amici di Joe (sono gli Oliver Onions sotto falso nome) [Guido e Maurizio De Angelis – C. De Natale, 1982] Rocky Joe 2
Ashita no Joe II (????)
[T?ky? Movie Shinsha 1980] Buoni: ‘Rocky’ Joe Yabuki [???], l’allenatore Danbei Tange, Alex (Shiraki Yoko), Gulli, Carlos Rivera
Nemici: Josè Mendoza
Sport. Rocky, sconvolto dalla morte di Toro, scompare per sei mesi, senza dare più notizie di sé. Ma il ‘sacro fuoco’ della boxe lo riaccende dopo una scazzottata che lo vede costretto a competere con un picchiatore di professione per difendere l’amico Gulli, dopo di che il ragazzo decide di tornare sul ring.

Due sono le ragioni che lo spingono: onorare la memoria del suo amico Toro, e salvare dal fallimento la palestra del suo manager Frank Miller (Danbei Tange), un ubriacone, un burbero, un poveraccio, ma dal cuore buono.

Il primo incontro dopo il suo ritorno lo vince per KO alla prima ripresa, impressionando i presidenti delle palestre rivali, i quali decidono di organizzargli un incontro con Tigre Wilson, uno dei più forti pugili giapponesi (allora perché ha un nome inglese?).
Frank è preoccupato per Joe, non solo per l’incontro, ma anche perché si è accorto che il ragazzo non riesce più a colpire gli avversari al volto, in seguito allo choc che gli ha procurato il trauma cranico che ha ucciso Toro.
Tigre vince infatti il suo incontro, proprio a causa del blocco psicologico di Joe.

Non contenti, gli altri ‘manager’ gli combinano a pochi giorni dalla sconfitta un altro incontro. L’avversario è il pugile Anderson. Durante una ripresa particolarmente dura, Joe è costretto a colpire il rivale alla tempia, ma subito dopo è vittima di un malessere.
Contro il volere dell’allenatore, Joe vuole combattere ancora: vuole incontrare Marvin, il terzo miglior pugile.
Ancora un volta, però, è vittima di un malore: le cose si mettono male, sebbene Joe voglia continuare a combattere, nessuno vuole più incontrarsi con lui.

Intanto Igor, un amico di Joe, è costretto ad abbandonare l’attività di pugile per una frattura al braccio, e Frank decide di chiudere la palestra, e cerca di convincere Joe a mollare tutto.
Invece Joe, contro il parere di tutti, sfida il fortissimo Carlos Rivera: l’altro accetta, e durante l’allenamento, i due diventano perfino amici.
Carlos deve pagare una grossa somma di denaro per aver rotto il contratto con il campione del mondo che avrebbe dovuto affrontare prima di Joe: sarà Alex, cara amica di Joe, a sborsarla per lui.
L’incontro fra Carlos e Joe è equilibrato, e termina in parità.
Carlos parte per la conquista del mondiale, Joe invece si rinchiude in sé stesso. Disputa alcuni facili incontri, mentre Carlos, sconfitto dal campione del mondo Mendoza, viene ricoverato in ospedale, e fugge. Joe decide di affrontare Mendoza, sentendosi pronto: prima però deve affrontare una dura serie di incontri.
Il primo è con Max Rayan, detto ‘Killer Machine’ per la sua violenza; inoltre Joe è fuori peso, e deve sottoporsi ad uno snervante allenamento, contro l’ennesimo parere di Frank e Alex.
L’incontro con Max è all’ultimo sangue, ma Joe vince, e dedica il titolo asiatico in memoria di Toro.

La sfida a distanza con Mendoza: anche quest’ultimo vince agevolmente i suoi incontri. L’ultimo ostacolo prima dell’incontro decisivo col campione del mondo è Arimao, l’uomo più feroce del sud-est asiatico: un incontro cruento e senza regole, un vero massacro, che vede Joe trionfante ma distrutto.
Al termine del match, il colpo di scena: Carlos Rivera appare sul ring… ma una brutta notizia sconvolge Joe: l’amico soffre di encefalopatia, causata dall’incontro con Mendoza.
Anche Joe comincia ad avvertire i primi sintomi di questa malattia. Frank e Alex sono preoccupati per le condizioni di Joe.

L’incontro, alla fine, arriva. Alex, prima che Joe salga sul ring, tenta l’ultima carta per dissuaderlo: gli confessa il suo amore. Joe ricambia, ma sente che il suo posto ora è lì sul ring, la sua sete di vendetta verso Mendoza è troppo forte.
Le prime tre riprese sono favorevoli a Mendoza, che colpisce Joe all’occhio destro… e la vista del ragazzo peggiora sempre di più. Ma Joe non si arrende, e continua a battersi con onore… ma le sue forze, lentamente, lo stanno per abbandonare.

A questo punto, le due versioni: quella italiana, rimontata dai doppiatori, racconta che Joe con un ultimo colpo sconfigge Mendoza, e la serie finisce con lui che si riunisce ad Alex (riciclando una scena già apparsa in precedenza).

La storia originale, invece, ha una fine tragica: Joe con un ultimo disperato colpo, stende Mendoza, dopodiché si siede moribondo sullo sgabello.
Joe sta per morire prima di sapere l’esito dell’incontro, e un attimo prima regala i propri guantoni gocciolanti di sangue ad Alex dicendole che quei guantoni erano tutta la sua vita!
Il finale è veramente malinconico, Mendoza vince ma ha i capelli tutti bianchi e il viso sciupato e pieno di rughe come un vecchio.
Rocky Joe muore dicendo: “non c’è più niente da bruciare, solo le bianche ceneri”.
Tutta la gente che nell’arco dell’incontro aveva un ruolo molto critico e rumoroso si inzittisce, stupita a questo crudo ma inevitabile esito della lotta.
Rocky Joe muore col sorriso stampato in viso.
Inutile commentare ulteriormente questo finale: un capolavoro.
In Italia, per vedere l’ultima scena non censurata, è necessario procurarsi il lungometraggio “Rocky Joe, l’ultimo ring” edito dalla Yamato.
Il caso di morte del protagonista è rarissimo nei cartoni animati; per la cronaca, è successo anche in: ‘L’uomo tigre’, ‘Getta robot’, ‘Zambot III’, ‘Astroganga’, ‘Lady Oscar’, ‘Gatchaman, la battaglia dei pianeti’, ‘Tekkaman’, ‘Il fedele Patrashe’.
Prima serie: ‘Rocky Joe’.
47 EP, ITA7, 1991
Massimo Dorati

Rocky Joe: vedi video sigla

 

Rocky Joe

Rocky Joe TESTO SIGLA INIZIALE

Cantata da: Gli amici di Rocky (Oliver Onions)

Casa discografica: KTR-RCA

Durata: 3’52”

Anno: 1982

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Rocky Joe.

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Rocky Joe.

Rocky è un gran campione,

Rocky è eccezionale,

Rocky ti fa male,

Con un pugno solo lui ti stende al suolo.

Rocky ha della stoffa,

suda, picchia e sbuffa,

in allenamento,

batte, batte sodo, come sopra un chiodo.

Rocky Joe, Sei grande,

Rocky Joe, Sei forte,

Rocky Joe, tu vincerai,

Rocky Joe, Sei grande,

Rocky Joe, Sei forte,

Rocky Joe, tu vincerai per noi.

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Rocky Joe.

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Rocky Joe.

Rocky col suo vecchio,

che lo vuole grande,

lui non fa domande,

ma lavora sempre sempre veramente,

Rocky fa paura,

Rocky è la natura,

come un fiume in piena,

niente lascia in piedi, bisogna che lo vedi.

Rocky Joe, Sei grande,

Rocky Joe, Sei forte,

Rocky Joe, tu vincerai,

Rocky Joe, Sei grande,

Rocky Joe, Sei forte,

Rocky Joe, tu vincerai per noi.

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Rocky Joe.

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Rocky Joe.

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Rocky Joe.

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Ro-Ro-Ro-Rocky-Rocky-Rocky Joe,

Rocky Joe. Ad. Lib.

 

Rocky Joe, Il campione

Di: M. Dorati

Cantata da: Odeon boys (M. Dorati)

Casa discografica: –

Durata: 2’39”

Anno: 1990

Sai boxare da campione, grande Rocky Joe

dalla vita io lo so, non accetti neanche un no

e sul ring tu sei un ciclone, quanti pugni dai

lotti e non ti arrendi mai, proprio come un samurai

Rocky Joe, campione

Rocky Joe, ciclone

Rocky Joe, Rocky Joe, Rocky Joe

Rocky Joe, spavaldo

Rocky Joe, testardo

Rocky Joe, Rocky Joe, Rocky Joe

Sei una vera testa calda, grande Rocky Joe

certamente non si può contraddirti neanche un po’

Con un’aria assai spavalda vai per la città

niente ormai ti fermerà e domani si vedrà

Rocky Joe, campione

Rocky Joe, ciclone

Rocky Joe, Rocky Joe, Rocky Joe

Rocky Joe, spavaldo

Rocky Joe, testardo

Rocky Joe, Rocky Joe, Rocky Joe

Rocky Joe, campione

Rocky Joe, ciclone

Rocky Joe, Rocky Joe, Rocky Joe

DOWNLOAD SIGLA APERTURA Rocky Joe

 

Il nostro punteggio
Vota articolo
[Media: 3]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *